Il Forum dedicato al modellismo dinamico
 
IndiceIndice  PortalePortale  CalendarioCalendario  GalleriaGalleria  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 La Saga del Mulino.

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: La Saga del Mulino.   Gio 22 Nov 2018 - 16:54

.

Questo sito non potrà continuare a lungo, però, è un forum "discussione" dov'è stato trattato e commentato ogni possibile argomento consentito. Un decina di anni fa i moderatori censuravano le postate fuori tema castrando la libertà d'opinione.

Libertà che riguarda soprattutto i disinteressati pregati d'ignorare il contenuto.

... ricordo che il futuro si concretizza nel presente. Osservando la costruzione di un'abitazione questa procede con mattoni posti uno sopra l'altro. Chiaro il concetto? Chi non trova nulla da fare o gode della sua insoddisfazione non vive nel presente ma abita nel suo passato ...


Un creativo ha scritto:

Io lo vedo bene come sensei di qualche monastero in un bel film, sai quelli che ti guardano impassibili e poi ti ramazzano come le foglie d'autunno, sempre con la stessa impassibilità scratch [/quote]


...... qualcosa del genere si sta profilando sull'orizzonte ....... abbiate fede cheers cheers cheers






Dall'improvvisazione alle richieste di una continuazione seriale ........... in preparazione  study  affraid  geek .


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



Bozza copione la “prima”.

Cucina Valsecchi 1361 .

.Notte, visita di frà Guglielmo da Civita al mugnaio Giobatt.

Dialogo a due.

Batte l’uscio il fraà.
Chi set a quest’ura?
… soo frà Guglielm da Civita, derva la porta Valsec.
Sa set in gir a fa, spazza pulèe, da noc me un lader? Scià ven dentar sapientun.
… murnee, da noc ghe nesun per i sentee a dam fastidi.
E te pensaa da purtàa i fastidi propri a mi? Ta see un rugna dumà vardat, setas e dim la mala nova.
… o preparaa ul cuntrat da firmà!
Cuntrat? Da firmà cusèe? Sem dàa la man e mi son da parola e pò son minga bun da scriv, sa firmi cusè che so gnanca sa lè na firma.
… la firma lè ul to nom sul cartiglio e la parola la va e la vegn me l’aria, però un cartiglio cun su ul to nom al dura in dal temp e da temp per duperà la roda per farina, nem intes insem per 8 an. In vot’an cun i temp ca gira tal disi mi che l’aria la dis tempesta.
Ta see un striun, ta legiat e ta scrivet, ta sentàt i tempest in aria, ma foo a fidas dei padrun del Lamber? Tutti i rod a acqua in vost e gabelluv senza pietà i ficiatari che per du ghei i lavuran dal dì alla noc. A sii ladruni voialtrer fràa.
Si introduce la cultura. Monogolo.
… ti tal se che ul Barbarusa Federico I° la taccàa i milanes e la spartì i Cort di Casale, la Martesana, Monza e lè ruàa a bàla in valassina. I Milanes an mandàa i suldat cuntra Cesan, Cornat, Erba, Paravicin e Orsenig, radendu i fortezz. Ades lè a Carcan, impegnaa nell’assedial finchè ul Barbarusa là menàa i milanes. I cumasc ades i voran che il Barbarusa al to fori di bal i patarit da l’isula su per ul Larius, che i tassan i navigli e la pesca sul lag. I patarit dell’isula in puse sciuri dei sciuri lumbard tuc insem e ul neud del Barbarusa la mai pagàa ul so ziu.  Se la va ben per noiolter, la val la va sota il feudato di Civàa chel comprend: Borni, Cesan, Canz, Maisan, Belas, Sala, Galbiaa e Oggion. A la vedi dura al me car murnee. Chi sa mazzan senza misericordia. I lumbard sa la pasan malament, via un malnàt a na rivaun olter, pesc dala peste che lè in gir ancamò. Dai che ta legi ul cuntrat.
Si torna a due interlocuzioni.
Cu sel? Al par un’opera d’arte. Lè ul cuntrat, me le bel e se ghe scrivuu?
… al dis che i fràa dell’erem di Civàa, sota l’egida del sciur Saluzzo Antoni arcivescovo di tuta la Valle Assisa, ta dem in fitc la roda da farina per 8 an, cun l’impegn da pagà la sedicesima al mess sul masnàa.
Bela roba, e se d’invernu masni mingha, cun cosè a ta paghi?
… murnee nuiolter fraa mantegnum mingha i lazarun. Se vem per la lingera violter populari nustran senza fede e cun tropa ambiziun per i danee, che da politica e poteri terreni da ignurant ne san men dan’asan, pora bestia, i sgheri delarcivescuv a ta cascian sot ul punt del Lamber ti ul to fradel e la famiglia a crepà sgelàa, te capii Valsec! Ti ta pias fa l’arugant, ta ghe la lengua lunga per parlà, ma te da duperà la crapa per scampà, e senza cuntasù ball e cuiunaat.
Ti fraa te see un falsun, te me ciapàa la parola e sem da la man, credevi da fa l’afari senza un cuntrad da carta, e ades a sa gira la menada che la ma pias per nagot. Chi ma diss che te se dree a fregam? Ti ta see scroc, ta ghe ul curtel per al manig e ta taiet giò ala grande fraa di me dulur. Se lè vera che ghe l’infernu là daves pien di fraa. Scià fam vedè se ghe sul cartiglio la cundana per 8 an? Fregum mingha Guglielm o ta scurti la vita, da noc so bun anca mi da sassinàa un fràa.
… desmèt murnee e voia gio un buccal da sang d’uga, che te me fa parlà tropp.
Bev, bev al me sang e a goo in scansia furmai da cavra e na brancada d’uliv. A lè un gran bel ul cuntrat, violter sapient a si come ul diavul che prima al prumet e po al roba l’anima dela pora gent mè mi. Ma foo a fa la firma fraa? E cuan lo fada cusè che cambia, fam capì ben la procedura, perché son minga stupid.
… la firma ta iuti mì a fala per ben. La firma a lè la tua che sul cartiglio t’impegni la parola data, e una firma lè sacra per la fiducia reciproca, ti ta vorat la roda da farina e mi ta la concedi. Ta metat la firma sul cuntrat, go la pena d’oca e l’inciostar da piumb, ta guidi la man e cun un olter boccal di sang d’uga a ghem legalizaa la tratativa per 8 an a vegnì.

Parte da recitare con molta chiarezza.
>>
Ma a ghe scrivuu nagot sul cartiglio.
… Giobatt Valsec ta see ignurant me nà cavra. Ta see minga bun da legg e ta pretendat da vedè quel che ta capisat minga oltre un cartiglio. I parol scrivuu i a vedean i letterati come mi che son istruì. Violter vilan sa fidus ngnanca dala umbria e mi ta doo 8 an da fiaa respir per pagam in cumpleta fiduscia e ta me fa danàa per l’accord tra galat’om. Giobatt ta see dree a ufendum.
Ufend un fraa lè me dag na pesciada a un can. Son un vilan senza arte ne parte ma minga da cuionà.  
Scià frà Guglielm ciapa la mia man e fam fa sta firma, lè la prima volta che scrivi e vori vedè al me nom sul cartiglio del cuntrat.
>>
… lasa la man libera murnee, ta ma paret un picasss. Nà firma lè impurtant la va fada con sentiment e respunsabilità, ma ti ta see senza letter ma ta capisat ben ul mument dades chel significa l’inizi da una vita nova per tutta la tua famiglia da mort da fam.
Cumela la mia firma?
… ciara me l’acqua del Lamber. Ul cartiglio al legaliza ul cuntrat. La roda da farina a lè in di to man e sa ta fee giudizi chi quater sass chi i divetan dala tua stirpe da murnee. Ul ragett a le insipid però un boccal per sancì ul cuntrat al va gio me velen maledetu.
Prima dal ragett, frà scrucun, a mi sa ma resta in man del cuntrat?
… i malfident i finisan al’inferno cun un cavic in dal cu. Mo strapi un cantun del cartigli e el diventa la garante del cuntratt. Ciapal e metal via al sicur. Cuntent murnee?
>>
I malediziun ti tiri a dree frà filun se te me inganed e al post del ragett ta fo bev la sulanaceae.
Frà sapient, sarem mort da fam ma sem sempar gente unest, lavuradur e pagadur. Ala fin dei mess a vegnì ti pasa che mi paghi la sedicesima decima del fitto.
Ades cuntum su coma lè la condiziun gio in dala piana ingerada? Al Lamber lè calaa d’acqua. L’ultim diluvi là casciagiò i tempest e sa parla ancamò dela peste nera? Mi vori minga crepà frà, sa podi fa per restà san?
… ul milanes a le impestàa da trentan e i crepan gio com i foi e i munatt i a brusan in dal Lazaret del Gian Galeaz Viscunt. A Com su dudasmila anim in trapasaa in cinmila ……..  te da pregàa una volta ala setimana e lavas una volta al dì. Onorare gli impegn, fa del ben, minga rubà sul pess dela farina e puse impunrtant, tasè prima da parlà.
>>
Se tasi cuma fo a parlà?
… Giobatt Valsec, se ta vorat diventà intellighenz, te da imparà a dam tra. Mi parli la metà da ti, a go nagot, majì e bevi, nà quei dona generusa la ma sudisfa i tentaziun e nun ghe pensi da faa debit per una roda da farina. Chi el al pussee scrocc, ti o mi?
… murnee, se ta vorat i danee a te devat minga aven!
Ta me diset ma fo a vec i danee se soo senza?
… murnee, ta see dentar i mur cun un tec sula crapa ti e tuta la familia senza un ghel in sacocia. E ta capisat gnanca la lungheza del to nas. Da chi a vot’an, se ta ma pagat e i sas i diventan tò, forzi ta capisat sal vor dì minga avec i danee in sacocia.
Taghe sempar resun ti, frà scrocun!
… Valsec la diferenza tra noi du, alè che mi son un frà e ti un por diavul senza intelet. Tasi e pensa la diferenza tra la luna e il sul. Pensa e tasi murnee che la roda la gira cuma vori mi fin quand te me versaa l’ultim quatrin. Cuntent murnee?
Cunten nà sciavada in facia, oh firmaa un cartiglio che al me strozza me nà furca, o scultàa un frà senza capig na vaca, ta me fa pasà ul sogn, ma gira la crapa e se i ta cupan per strada al to signur là faa una misericordia grosa e granda. Ta saludi frà Guglielm. Crepa minga per i sentee ghe te ghee in sacocia la mia firma sul cuntratt.
>>
… ta saludi murnee Giobatt. L’afari te le fa ti e dorma in gloria timuraa nel signur.

.....................

Per agevolare la lettura in dialetto "lumbard" il filmato con i sotto titoli semplifica il dialogo sulla cessione di un mulino ad acqua di proprietà di una corporazione di frati a un novello imprenditore senza una moneta in tasca, in un periodo storico molto difficile, tra miseria, peste nera, brigantaggio, e sconvolgimenti politici dove la signorie padroneggiavano ovunque.

... i costumi sapientemente realizzati e i figuranti confluiti volontariamente si sono prodigati senza riserve per la riapertura e l'inaugurazione del mulino in cui per due giornate sono state richiamate oltre 4000 persone intrattenute per il pranzo e la cena degustando cibi cucinati con antiche ricette nostrane innaffiate da due botti da 50 litri l'una gradite per un vino novello niente male ...

La necessità di tradurre il dialogo introducendo i sottotitoli ha portato la ripresa di 30 minuti e ben 5 ore e trenta per il montaggio corretto. Questo per curiosità sull'impegno speso sulla presentazione.

... l'ambiente

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

... la fauna locale con il piccolo mugnaio

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

... i costumi indossati sono da considerare abiti veri e propri per le configurazioni d'epoca, i tessuti impiegati vanno dal cotone pesante ai tessuti lavorati, i damascati, fustagno e velluto, feltro e soprattutto le cuciture a vista realizzate a mano per rientrare nell'epoca ... ovviamente fatti su misura per ogni figurante ...

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.segue.

.




.


Ultima modifica di Sven Hassel il Sab 24 Nov 2018 - 19:14, modificato 3 volte
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Raff69

avatar

Messaggi : 44
Data d'iscrizione : 31.03.13
Età : 49
Località (indirizzo completo) : Trani-Salerno

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Gio 22 Nov 2018 - 18:15

study
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
borealis

avatar

Messaggi : 493
Data d'iscrizione : 18.03.13
Età : 47
Località (indirizzo completo) : San Paolo Solbrito (AT)

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Ven 23 Nov 2018 - 7:58

Frà Guglielmo è un Benedettino, corretto?

_________________
Ci sono i Modellisti, e poi ci sono i...


Il Nobel per l'Ignoranza a questo Anonimo:
"...Ho cercato informazioni sui nobel assegnati sul modellismo senza trovare assolutamente niente, e ora come la mettiamo?..."
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Ven 23 Nov 2018 - 10:18

.

... nel periodo descritto il monastero di Civate è stato distrutto completamente per l'alleanza benedettina con il Barbarossa restando ignorato per duecento anni per essere ricostruito dagli olivetani ... nel lasso di tempo più di una corporazione al seguito di signorie si occuparono di amministrare le proprietà territoriali ...

Il frate sfoggia il simbolo eretico dei "rampognati" messi al bando dal Sacro Romano Impero.

... sono secoli durissimi tra peste nera, continue guerre, fame e miseria, condizioni climatiche avverse, brigantaggio, l'assassinio all'ordine del giorno, vita grama per la Lombardia regione di passaggio per ungheresi, le avanguardie tedesche dei mercenari lanzichenecchi con le scorribande francesi contro gli austriaci ...

... l'ignoranza del mugnaio si trova nell'acquisto della ruota ad acqua sotto il potentato assunto del signore di Saluzzo Antoni arcivescovo di tutta la Valle Assisa attraverso la procura assegnata alla Civita curia dei frati beatamente immerso nel suo scopo d'imprenditore senza quattrini ...

Il Lombardia in quei secoli si stanziarono sparuti eremi francescani maggiormente accolti dagli abitanti delle Pre Alpi, avversi al cattolicesimo imperante respinto specie nell'interno della valli con ostilità. Nel 1300 in paese c'era una comunità francescana operante e un "pilastrello" sotto la parrocchia di Incino per la messa domenicale disertata di comune accordo dai paesani.

.pilastrello: cippo di pietra.

lol!

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Ven 23 Nov 2018 - 15:50, modificato 1 volta
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Ven 23 Nov 2018 - 13:58

.

... il successo avuto ha pensato bene di convocare tutti i figuranti e partecipanti del precedente evento per una simpatica rimpatriata cogliendo l'occasione di ringraziare con un modesto presente le autorità cittadine per l'aiuto dato senza precedenti ...

Il dialogo sfiora il tema principale mettendo in luce soprattutto i figuranti, gli abiti indossati meritevoli d'attenzione, lasciando l'improvvisazione libera per i due protagonisti altalenanti tra le due epoche toccando temi lasciati a metà che verranno ripresi nelle riprese successive. La saga continuerà inoltrandosi nel futuro in cui molte cose cambieranno per il mugnaio sia per il frate procuratore.

La festa del Ringraziamento.




... non pubblico la trama interloquita fra i due vista l'improvvisazione decisa sul momento ...

. i primissimi consensi promettono un ottimo ascolto nonostante TV Vallassina copra un raggio di una quarantina di chilometri nell'interno delle Pre Alpi coperte da zone d'ombra .

Le bellezze locali si sprecano

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

........ per fare ridere la dama erborista c'è voluto il frate Very Happy

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
sharky63

avatar

Messaggi : 405
Data d'iscrizione : 16.12.13
Età : 55
Località (indirizzo completo) : Via Gandhi 1

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Ven 23 Nov 2018 - 16:30

Caro Dante, non so cosa ne pensa lo Sven, ma la tua interpretazione del frate gaudente e rompipalle mi sembra sempre troppo realistica.
Non è che per caso, sotto sotto, nei secoli passati.... farao

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Ven 23 Nov 2018 - 16:56

.


... se ben ricordo e poi c'è la macchina del tempo ...... non c'erano troppe alternative per salvare la pelle, o ti mettevi con l'arma in mano oppure vestivi l'abito della conoscenza ... si poteva zappare la terra sempre degli altri per coltivare il raccolto che ti portavano via ... allevare una dozzina di capre che i briganti rubavano ... tenere un bordello in una taverna portava quattrini rischiando la testa, quindi sapere significa conoscere l'arte di anticipare altri e allora un abito monacale era un sicuro salvacondotto sull'ignoranza villica e signorile visto che, la nobiltà spicciola non sapeva scrive ne leggere e sull'occorrenza un letterato gabbava il povero con altrettanta destrezza il signore ...

Frà Guglielm pare saperla lunga sull'arte di campare a spese d'altri sotto l'abito riverito.

... con la faccia che si ritrova poi e tutto dire ...

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Sab 24 Nov 2018 - 19:12

.

Il molin sul Lamber.

… la presenza dei mulini nella valle risalgono al periodo celtico con gli orobi seguiti dai galli e romani dove questi ultimi portarono le agricolture, allevamenti di cavalli, asinelli, capre e vacche maremmane, ma soprattutto portò la pianta dell’olivo, da questo si evincono condizioni climatiche miti per impiantare frutteti e filari di uve …

Torchi per la pigiatura delle viticolture, macina per ricavare l’olio dall’olivo, forge per lavorare i metalli, magli per le laminature, segherie in grandi numeri, macchinari costruiti in legno e posizionati sui greti del fiume generoso che con acque limpide muoveva grandi e piccoli ruote incessantemente al lavoro per la bisogna delle genti stanziate in poveri villaggi arrampicati sui ripidi pendii delle Orobie lasciando le valli alle alluvioni che spazzavano periodicamente con distruzioni immaginabili.

… la ragione per costruire i macchinari in legname era la facilità di riparazioni eseguite dagli stessi locatari abilissimi nel rimettere in moto qualunque danno. Le piene data la vicinanza forzata al fiume travolgeva spazzando via abitazioni, ponti e quant’altro incontravano le acque in piena, la riparazione di un ponte prontamente rifatto assicurava la viabilità locale ridando in breve l’economia e il commercio per vivere …

Il giorno 3 di un gelido mese di gennaio l’Europa fu devastata da tre terremoti (1117 – 1177 – 1183) coinvolgendo dalla sassonia fino alla gardesena cambiando completamente la morfologia dei territori del milanese anch’esso colpito e i relative invasi rimasti dal disgelo dell’ultima glaciazione.

… la nostra valle fu incisa dalla faglia partita dal colmo del villaggio di Magrei, sconvolse il lago Dellavena precipitato nel sottostante lago di Borno con una massa di acque impazzite, il lago di Nasnigo ingrossò la piena che trascinava sabbie e detriti delle slavine, massi rotolanti che fresarono la faglia aperta scaricando alberi sradicati, animali selvatici, abitazioni, allevamenti impauriti furono inghiottiti dai furiosi gorghi limacciosi scomparendo con interi villaggi martoriati dal primo terremoto. Seguirono anni con piogge spaventose, inverni freddissimi, vivere di stenti si complicò con il colera dovuto al bestiame precipitato in profonde fenditure dove migliaia di topi diffusero nell’intera valle la pestilenza che decimò i restanti sopravvissuti lasciando quasi deserta la nostra valle …

Il romani l’abitarono costruendo magnifiche dimore come la villa di Lucio Licinio sulle sponde dell’Eupilino che andò completamente interrata dalla piena del Lamber appunto nel 1117.

… Il mulino del Giobatt Valsec, che vuole acquistare dai procuratori di Cività per mano di frà Guglielm, fu edificato agli inizi del 1200 quando il fiume Lamber rientrato in un nuovo argine di scorrimento permise la ripresa delle attività a lungo rimaste sospese. Il Giobatt arriva con i familiari dalla bergamasca Golasecca attirato da una nuova frontiera in cui continuare l’esistenza. Le Orobie bargamasche erano territori e valli contese dal fazioni signorili armate che saccheggiavano i raccolti e gli allevamenti dei villici appesi sugli scoscese pendii più alti quasi imprendibili …

Gli impianti più poveri erano certamente in legno, più facili da costruire, altri in muratura richiedevano abilità e costi per essere edificati, attorno ad essi lavoravano i tagliapietre (picasass) falegnami, forni per l’argilla delle tegole, dove una costruzione significava lavoro e cibo con qualche quattrino da spendere in taverna o a donne facili.

… questa è la ricostruzione “immaginaria” del mulin occupato dal Giobatt, scapaa dala valseca per salvàa la sua pel e quela dela regiura e del fradel ............................

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.molin a roda ruzzada.

Ruota spinta.

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Mar 27 Nov 2018 - 11:45

.

... per capire la storia che ci ha preceduti non basta leggerla per comprenderla ...............................



Poemio sulla Valle Assisa dal 1373 in poi.

… che cosa significa la stesura di un “poemio”? La crono storia descritta in tutti i tempi da punti di vista differenti e contrari rappresenta l’informazione descritta da coloro che ne hanno lasciato una traccia. Autori e scrittori che ne hanno colmato i vuoti supponendo per proprio conto lo svolgimento dei fatti si sono affidati sugli stessi testi scritti da chi hanno opposto loro stessi la presunta verità sui fatti attraverso il semplice accordo e se uno scritto autorevole porta la firma illustrissima nessuno ne può smentire la sua opinione …

Anno 1373, perpetue guerre, siccità e patimenti, scarso vitto e totale assenza di grano, favorì l’infierire della peste in tutta la Lombardia. I registri della parrocchia di Asso segnano solo quattro le case sopravvissute alla peste, la strage non potette essere calcolata e la conseguenza fu una carestia ancora maggiore e lunga.
Anno 1374, piogge lunghe, seguite da grandine, frutta guastata insieme a sementi e biade, oltre ai danni delle alluvioni. Fame e miseria raccolsero uno sparuto numero di buoni volenterosi per ridare vita alla valle. Il Signore di Saluzzo, Antonio, diventa l’Arcivescovo della Vallassina.
Anno 1394, Gioanni Galeazzo, per decreto toglie tutti i feudi, anche Ecclesiastici, togliendo ogni privilegio agli affidatari.
Anno 1402, Pietro Candia, succede ad Antonio da Saluzzo, le fazioni dei Guelfi e dei Ghibellini che avevano in passati tempi, infestato la Germania e poi la Lombardia, anzi tutta l’Italia, ritornarono a risvegliarsi rinnovando gli omicidi, gli incendi, le violenze, i saccheggi e le crudeltà. La ferocia si vide a Bergamo, Monte Brianza, Galbiate, Olginate e nel comasco.
Anno 1404, i Rusca, in vendetta d’essere stati spogliati dal Duca di Milano, organizzano le fazioni della pianura fomentando guerre private, ogni distretto, ogni comune, aveva dei partitati di quella o questa fazione pronti a correre alle armi al primo cenno di sopruso, si riaccendono i saccheggi e gli incendi. Asso e Caglio erano fortemente accaniti fra loro, il massacro avvenne la notte di Natale, dopo tale fatto l’odio tra i due paesi durò secoli. Sormano e Valbrona erano al centro di furiose mischie e sanguinosi conflitti per reciproche ladrerie. Canzo e Asso con i loro conflitti e devastamenti delle campagne, incendi di campi, furti di bestie e d uccisioni di persone in vendette cruente durarono molti lustri. Nessun matrimonio si fece per anni tra questi paesi contendenti.
Anno 1409, Facino Cane, generale delle armate ducali, assediò in Erba i Malatesta, riportando vittorie e ricchi bottini al contado.
Anno 1412, il Duca Maria Giò Visconte viene ucciso a Milano, muore Facino Cane lasciando la Vallassina a sua moglie Beatrice Tenda che poi sposa Filippo Maria Visconte.
Anno 1429, gravoso dazio sul mercato di Asso per decreto del Duca di Milano, sgravato più tardi, da Luigi Sforza nel 1465.
Anno 1441, Luigi del Verme, Conte di Sanguineto, assume la signoria della Vallassina, Corte di Casale, Squadra dè Mauri e Pieve d’Incino con Nibionno.
Anno 1447, guerra tra il Duca di Milano e i Veneziani, questi forti di un esercito potente conquistarono tutta la piana da Incino a Lecco, fino a Bellagio, lungo il Lario fino a Bormio, la Vallassina e Corte di Casale. Del Verme, con ottomila uomini, assediava Piacenza ribellatasi al Duca di Milano. Lecco non si arrendeva e i Veneziani lasciarono l’assedio, si richiamarono i soldati dal Piacentino e Francesco Sforza fece alleanza con la Repubblica Milanese.
Anno 1448, muore il Conte del Verme, dopo l’assedio di Monza, Francesco Sforza manca al giuramento verso la Repubblica e muove guerra contro di lei.
Anno 1450, guerra civile e presenza Veneziana all’assedio di Milano provata e sull’orlo del precipizio, Bartollomeo Colleoni comandava i Veneziani mentre il Conte Sforza, Generale di provata fama, mandò squadre di cavalleria a Bellagio con Rufaldo, ad Asso con Gianni Sforza, sui monti di Erba e Como pose un corpo di truppe, lasciando Sigismondo Malatesta sul Monte Barro come soccorso in caso di bisogno. Nonostante il piano ben congeniato la sfida dello Sforza non funzionò, perché i Vallassini stanchi d’essere taglieggiati dai Milanesi si allearono con Bartollomeo Colleoni sconfiggendo i nemici solo in parte, perché le forze in campo e gli interessi erano enormi. La disfatta portò lo Sforza a continuare l’assedio di Milano impedendo qualsiasi soccorso da Como, d’Adda e da altri paesi vicino. I Vallassini mossero verso Erba scacciando Carlo Gonzaga a Carate, poi s’impadronirono di Monte Barro, monte Della Brianza abbandonato dagli Sforzeschi sotto gli occhi del Gonzaga impotente.
Anno 1466, Galeazzo Maria Sforza, nuovo Duca delle terre, principe crudele e di pessimi costumi, governò tirannicamente fino la 1476, dove fu massacrato da una congiura dei Milanesi nel tempio di Santo Stefano.
Anno 1472, si trattano le terre che il Duca bramava acquistare nelle vicinanze di Ello di proprietà di Negrone di Ello detto il Missaglia, offrendo un cambio il feudo di Canzo e di Corte di Casale, che gli venne accordato. Sono nominati; Cantium, Castellinum, Castrunmartiris, Puserbium, Longonum, e numerose Cascine dei dintorni. Il Negrone ebbe anche l’interesse di entrare nella nobile classe dei Feudatari, con diritti pieni sui suoi discendenti come eredi.
Anno 1492, Lodo Sforza fu favorevole ai Vallassinesi di cui conferma gli statuti nel 1512.
Anno 1512, invasione dei Francesi.

Tratto dalle indagini sull’insubria.
Insubria o la Vallassina                                                          5-3-2004
Osservazioni personali di mia proprietà, nota d’archivio n° 115

                                                                                 D.G.
Seguono note d’interesse generale.

Insubria, significa: in alto. La Vallassina trae nomi differenti dalla Valle Assisa, impervia, in salita. Attribuito il nome popolare dato per gli allevamenti di asini e definita Valle degli Assassini per l’ardimento in cui si difendeva da ladroni, briganti e saccheggi ordinati dalle signorie brianzole “brigante” il toponimo Brianza.
Nomi di città: Pavia (Ticinium) Eporedia (Ivrea) Augusta Pretoria (Aosta) Augusta Taurinium (Torino) Segugio (Susa) Libarna (Serravalle) Dertona (Tortona) Methlum- Mediolanum (Milano) Laus Pompeia (Lodi) Albinguium (Albenga) Belligerium (Bellano) Mondelium (Mandello)
La Brianza poteva, in età arcaica, chiamarsi, Herna equivalente di Sasso, Pizzo d’Erna, Pioverna, Lierna.
I nomi dei villaggi dell’Insubria: Caslino (Cassiolino – Cassinissio) Castelmarte (Castro Martis) Pontelambro (Pontiaco- Ponteligneo) Erba (Herba) Sirone (Sironum) Inverigo (Igurigo) Asso (Ascum) Canzo (Cantius, Cantium o Cantio) Scarenna (Scharnerigo) Lurago (Luirago) Monza (Modoetia) Bellagio (Agiobello)
Temperature registrate nel 1985: minima, registrata in via Carlo Porta, quota 380 s.l.m. (alle ore 21 del 6.1.1985 - 17,5 C). Minima assoluta registrata in val Ravella, all’altezza dell’acquedotto di Gajum (metri 515 s.l.m.) e San Miro, alle ore 19 del 6.1.1985 – 23 C.
Temperatura massima assoluta registrata in via Carlo Porta, in zona erbosa ed alberata, il 4.8.1983 + 32,9. Altezza massima del manto nevoso (Gennaio 1985) cm. 100.
Culto di Mercurio (1213) ad Mercuri, località Cantium. Nel comune di Caslino: … iacentis in territori di Castellino, ubi dicitur in Mercuri… (1451) Diana a Lenno … Ercole a Longone … Matidia a Incino … Mercurio in Varese, Arcisate, Carate, Desio …
Nell’anno 585, dopo sei mesi d’assedio, l’Isola Comacina (Nèsos Comanìkeia) ultimo baluardo di resistenza bizantina, cade per mano di Autari.
Castron Baractelia (Baradello) Castron Martùrios (Castelmarte).
Caccia alle streghe: nel 1244, fu arsa la prima strega a Tolosa. 1574, Herba, Villavicino, per mano di Francesco Giussano da Montorfano, fu giustiziata Angerina de Sancino in Vilinzino. Como e Lecco, insieme alla Valtellina, con l’intervento di San Carlo Borromeo si procedette mandando a morte un numero elevato di streghe (basterebbe leggere gli atti dell’Inquisizione a carico di Angerina, per capire momenti di criminale ingiustizia perpetrata a danno di innocenti quasi sempre calunniati). Altro processo ridicolo a carico di Stefano di Bellano, inquisito e condannato da frate Antonio Domenicano (1467) Gualtiero Pellegrino detto lo Stregone, brianzolo di Monguzzo, inquisito e condannato (1453).
Leonardo da Vinci si presenta in Brianza nel 1511.
E’ il 31 luglio 1917, un violentissimo temporale ingrossa il torrente Lambretto in quel di Lasnigo e la riserva di legname, della filanda Paracchi è trascinata dalla furia delle acque ostruendo contro il ponticello il deflusso del torrente. Ingrossato dallo sbarramento, il torrente tracima violentemente abbattendo il ponte trascinando con se le cataste di fascine della filanda e una grande quantità di ghiaia e terriccio fino al ponte di Boggio, dove l’acqua nuovamente ostacolata, trova una seconda poderosa spinta seppellendo il Molino Valsecchi, che resta fermo per tre anni prima di riprendere la sua secolare attività. Lasnigo perde due donne intente a lavare i panni nel locale lavatoio pubblico. Le due donne saranno ritrovate lungo il corso del Lambro in prossimità d'Erba.

Notizie tratte dal libro “Cammino degli Insubri“ di Adriano Sala, biblioteca di Canzo*.

Per avere la lista degli annuari (eventi storici di maggior rilievo) dal 1800 al 1946, consultare il volume: Lombardia ’89, della biblioteca di Canzo*.
Pseudo origine della definizione Maestri Comacini; potrebbe risalire al 774 quando un’emigrazione di comaschi, lì espanse in tutta Europa per far conoscere all’estero l’arte lombarda e bizantina preludio alla mirabile arte romanica. Qualcuno sostiene che i comacini sono originari dell’Isola Comacina, altri invece affermano che i Maestri muratori si chiamavano “ com-macini “ (con due “ m “) perché, soli, lavoravano “ cum machinis “ e cioè con le impalcature da ponte, che avevano l’aspetto di macchine d’assedio: la pronuncia del termine “ machinis “ sarebbe all’origine di com-macini.*

Le notizie sul terremoto e sull’alluvione, fatti indiscutibilmente accaduti e riportati poiché unici e degni di menzione, stranamente sono datati entrambi avvenuti nel 1117, probabili, oppure semplicemente confusi come periodo di datazione, ricordiamoci che queste notizie giungono a noi da secoli di distanza dove, più che documentare le memorie venivano raccontate.*

Consultare il volume: Comaschi nella Storia, della biblioteca di Canzo*.

... questi chi eran i temp del Giobatt Valsecc e del frà Guglielm minga tan bei da viv ... cun la gent che se cuntentavan ...



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sven Hassel

avatar

Messaggi : 5947
Data d'iscrizione : 19.09.12
Età : 75
Località (indirizzo completo) : Canzo

MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   Sab 1 Dic 2018 - 23:13

.

..................... stiamo aspettando che si alzino le visite su youtube ... abbiamo superato le 400 da poco ed è un buon risultato in un paio di settimane cheers con un ringraziamento particola a chi seguono sul forum bounce study

.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

La vignetta annuncia la laboriosa contrattazione sofferta da entrambi le parti in causa con gli animi che non promettono nulla di facile e neppure buono.

.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: La Saga del Mulino.   

Torna in alto Andare in basso
 
La Saga del Mulino.
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
LAVELLI GIOVANNI :: FORUM DISCUSSIONE-
Vai verso: